Unione europea investe fino a 340 milioni in blockchain

Investimenti in progetti riguardanti la blockchain da oggi fino al 2020 per importo totale fino a 340 Milioni di Euro. 

Lo ha annunciato lo scorso 1 Febbraio la Commissione Europea in una conferenza stampa dove dava nota della nascita del primo Forum e Osservatorio sulla Blockchain. L’aspettativa è che le tecnologie blockchain “impattino fortemente i servizi digitali ed i business models di molte aziende tecnologiche” nel futuro.  La commissione Europea stima che nei sui programmi di sviluppo FP7 e Horizon 2020 darà in totale 340 Milioni di Euro di contributi a progetti di ricerca sulla Blockchain fino al 2020.

Vladis Dombrovskis, Vice Presidente della Commissione e responsabile di Sostenibilità e Servizi Finanziari ha detto “tra le tante tecnologie che stanno producendo innovazione in campo digitale, la blockchain ha il potenziale di essere davvero un fattore di trasformazione per i mercati e servizi finanziari”.

L’obbiettivo dell’Osservatorio è quello di fornire all’Unione Europea strumenti e dati utili per guidare il cambiamento generato dalla blockchain, tramite la discussione e l’interazione con cittadini, aziende e innovatori dell’Unione. Un’iniziativa di grande responsabilità della politica, che decide in questo caso di fare ciò per la quale i cittadini l’hanno votata: guidare il progresso, senza negarlo. 

La nascita dell’osservatorio sulla Blockchain è un progetto pilota nato dall’Europarlamentare Tedesco Von Weizsacker, del gruppo Socialdemocratico, in supporto alla Task Force on Financial Technology, la costola del Parlamento Europeo che ha l’obbiettivo di sviluppare per l’istituzione comunitaria una strategia di sviluppo e crescita sul fintech, attiva dal 2016. 

Scheda ufficiale dell’Eurodeputato promotore del progetto

L’Osservatorio sarà gestito in collaborazione con ConsenSys, realtà che da anni si occupa di formazione di imprenditori e tecnici della blockchain e che si è aggiudicata il bando Europeo chiusosi nel 2017, per seguire il progetto.

 

Rispondi