Scienziati nucleari Russi arrestati per mining illecito di Bitcoin

Succede veramente, a quanto afferma la CNN in questo articolo. I servizi di sicurezza russa hanno tratto in arresto diversi scienziati nucleari che lavoravano a programmi di sviluppo top-secret, con l’accusa di svolgere mining non autorizzato di Bitcoin da supercomputer Federali.

Seconda i media Russi, gli scienziati utilizzavano uno dei megacomputer più potenti dell’ex impero sovietico per il mining di Bitcoin non autorizzato. Il Centro Nucleare Federale di Sarov, nel quale sono stati arrestati gli scienziati, è un’area ad accesso limitato. 

Secondo le fonti citate, pare che la sicurezza interna del centro nucleare abbia registrato il tentativo alla connessione alla rete internet esterna di questo computer. Accesso che è assolutamente proibito per evitare la fuga di notizie o l’hackeraggio di supercalcolatori che lavorano allo sviluppo nucleare.

La base di Sarov è la stessa dalla quale si sospetta provenisse il veleno mortale che uccise l’ex spia Russa Alexander Litvinenko a Londra nel 2006.

Rispondi