Il Rimini calcio vende il 25% in Criptovalute

Giorgio Grassi – Presidente del Rimini F.C.

Il Rimini F.C., squadra di calcio che riparte in campionato dalla serie C, ha ceduto il 25% delle sue quote in Criptovaluta.

A darne la notizia è il quotidiano locale online RiminiToday, che riporta anche i dettagli dell’operazione, spiegata dal Presidente del Rimini Calcio in una conferenza stampa convocata a sorpresa.

La società, alla ricerca di finanziatori, ha stretto un accordo con la Heritage Sports Holding, società con sede negli Emirati Arabi, che si occupa di investimenti nel mondo dello sport e del calcio. 

Giorgio Grassi, presidente del Rimini FC, ha dichiarato  a RiminiToday “I nuovi soci, che hanno firmato un accordo preliminare per l’acqusizione del 25% delle quote della società, hanno apprezzato del Rimini F.C. la trasparenza, la sostenibilità economica, la sua territorialità, l’impegno nel mondo della solidarietà ed anche la massa critica che esprime il nostro mondo con tutte le sue società affiliate”.

E ancora: “Insieme cercheremo di portare alla squadra e alla città delle idee e sinergie nuove sia dal punto di vista sportivo, di immagine e tecnologico, di concerto con il nostro partner Quantocoin. La nostra partecipazione viene eseguita in un modo innovativo visto il pagamento in cryptovaluta (QTCt) e con l’utilizzo della tecnologia Blockchain per la quale la Heritage Sports Holdings è già all’avanguardia in altri paesi”.

Già, perché tutto l’interesse dell’operazione sta nel fatto che questa operazione sia stata portata a termine tramite Criptovaluta, in questo caso QuantoCoin, Criptovaluta propria della Heritage Sports Holdings.

QuantoCoin è stata lanciata tramite ICO il 1 Luglio 2018 ed è ancora possibile partecipare alla ICO, che chiuderà a fine Aprile 2019. Ad oggi il valore dichiarato del token sul sito della società è di 1,2 Dollari. La Criptovaluta non è ancora quotata, ad esempio, su Coinmarketcap e non risulta acquistabile nei principali exchange.

Il progetto dell’azienda Saudita riguarda la creazione, tramite i fondi raccolti, di una piattaforma di servizi finanziari online che possa competere con i servizi finanziari online delle comuni banche e che possa permettere ed agevolare scambi in Criptovalute. 

L’ICO va ad aggiungersi alla miriade già oggi esistenti, molte delle quali non ha avuto successo. Certamente, il significato dell’operazione di acquisto del 25% del Rimini Calcio più che sul valore del singolo token riguarda l’attenzione verso operazioni societarie internazionali tramite mezzi di scambio economici che non sono la classica moneta fiat, come Euro o Dollaro

 

 

Rispondi