CryptoPanic: ansia da fake news allo stato puro

Dareste mai il compito di guidare una città all’ubriacone di quartiere, al benzinaio che ha dato fuoco alla moglie e al prete che è scappato con i soldi della Chiesa? Beh, CryptoPanic ha il grande pregio di mettere insieme fonti di questo calibro sulle Criptovalute e fornire uno strepitoso e chiarissimo servizio di instant news sulle Criptovalute.

CryptoPanic (www.cryptopanic.com) è una piattaforma di notizie sulle Criptovalute in fase di forte espansione. In misto tra Twitter ed il Televideo, raccoglie in automatico notizie dal web sulle Criptovalute e le posta senza soluzione di continuità. 

Da notizie di pump assurdi delle AltCoin più improbabili, a informazioni verificate, a Tweet presi a random dal sistema direttamente da Twitter. Come cita la nota di presentazione, CryptoPanic è un aggregatore di informazioni, i cui account PRO possono appunto decidere di inserire in automatico nel feed anche le news da Twitter e Reddit, ma la cui fonte di informazioni resta misteriosa.

Nella sequenza velocissima di notizie flash ci sono illazioni, supporto a rinomate ICO truffaldine e notizie di cronaca sulle Criptovalute. Ciliegina sulla torta: puoi valutare una notizia positiva o negativa a seconda che ti abbia dati spunti buoni o meno su segnali di prezzo delle Criptovalute.

La fonte di queste informazioni? Non è dato saperla!

La pagina e relativi account social stanno prendendo sempre più piede, con migliaia di contatti al giorno. Come in ogni mercato, anche qui  la legge della domanda e dell’offerta parla chiaro. In tantissimi hanno sete di informazioni sulle Criptovalute. Cryptopanic li soddisfa sparando notizie a raffica. Di qualsiasi tipo, non verificate, ed anche a caso. 

Il sito e relativi social sono opera di Kaspars Sprogis (qui il suo profilo), eclettico developer e fotografo interessato alle Criptovalute. 

La trovata, aldilà degli scherzi, è certamente un interessante esperimento sociale e dice molto del mondo “da lupi” che popola lo spazio-tempo delle Criptovalute. E’ tuttavia un pericolo serio per la diffusione di informazioni tendenziose e non verificate.

Se molti riconoscono in Twitter e nei social un effetto importante per pump e dump casuali delle Criptovalute, questo strumento non può che contribuire ulteriormente al caos da viralità incontrollata. E forse la community delle Criptovalute, prima di dare credito, dunque contatti e dunque soldi, a progetti simili, dovrebbe pensare se vuole diventare grande o continuare a farsi fare promesse di guadagno facile, aldilà della tecnologia, del progresso e aldilà di tutto.

Noi ve lo diciamo chiaro: queste informazioni non verificate, tendenziose e spesso false, non fanno bene al nostro mondo (e ai vostri risparmi).

 

Rispondi