Coinbase paga 100 Milioni per l’app che fa guadagnare con le email

Coinbase ha investito 100 Milioni di Dollari nell‘App Earn.

L’investimento di un certo riguarda è fatto su una App ancora poco conosciuta in Italia che da tempo Italia Criptovalute sta testando ed utilizzando come forma parziale di autofinanziamento (lo stesso link che vi proponiamo è un referral, assolutamente gratuito, di cui vi preghiamo di accettare l’invito).

Earn.com – pagina di scelta del budget per una campagna di contatto di Developers

Il CEO di Coinbase Brian Armstrong ha dichiarato: “Il nostro intento è raddoppiare il business di Earn all’interno di Coinbase. I suoi inventori hanno creato un sistema di email a pagamento che è uno dei primi basati su blockchain con notevole attrattività per il pubblico”. 

Come parte dell’acquisizione, uno dei fondatori di Earn,Balaji Srinivasan, entrerà in Coin ricoprendo il ruolo finora vacante di Chief Technical Officer.

Il meccanismo è estremamente semplice: Earn vende ad aziende o startup interessate pacchetti di comunicazione e networking con altri professionisti del settore. Si possono assumere developers per singole “task” un po’ come in PeoplePerHour, oppure farsi lasciare i contatti e le email o iscrizione in gruppi Telegram da parte di utenti interessati al proprio business.

Basta impostare la campagna desiderata, pagare, ed attendere i risultati.

Da parte degli utenti che, come noi, si iscrivono, si viene pagati subito e con immediata conversione in Bitcoin, per rispondere a email, aderire a nuovi Airdrop oppure, ma non è il nostro caso, completare delle task richieste.

E’ richiesta una verifica del profilo e dell’immagine profilo.

Impostando la soglia minia richiesta di un Dollaro come pagamento per completare delle task o lasciare i propri contatti, le proposte arrivano anche più volte a settimana, e permettono di accumulare una piccola somma che è poi direttamente inviabile al proprio indirizzo Bitcoin.

Sono moltissime, appunto, le ICO che utilizzano questo strumento per farsi pubblicità ed acquisire clienti per il proprio Airdrop. In questo modo si acquisiscono contatti e adesioni certe al proprio progetto. 

L’unico appunto che facciamo ad Earn riguarda la sua mission di fondo. Essere pagati per completare delle task è più che giusto e già molti altri lo fanno, ma solo con l’Airdrop. Ricevere un pagamento per aderire agli airdrop, più ricevere gratuitamente i token, innesca un meccanismo di lancio delle ICO non basato sulla vera adesione ad un progetto. Ma sulla loro totale mercificazione. Certamente, il potenziale business dietro questo meccanismo alletta moltissimi utenti che possono “arrotondare” grazie ad Earn, ma davvero è eticamente salutare per promuovere nuove Criptovalute?

Vedremo cosa saprà fare Coinbase, ora che il progetto è nelle sue mani.

Per testare Earn, accetta l’invito a questo link

 

 

 

Rispondi