BeefCoin – Il bovino biologico si fa Criptovaluta

Lo abbiamo scoperto proprio in questi giorni, in occasione delle abbuffate Natalizie. Quando si ricercan ICO è ormai diventato importante saper selezionare quelle che non si basano su fumosi white paper, ma che hanno progetti solidi come sottostante. Se sono business già esistenti, meglio ancora, in quanto ben valutabili su dati concreti.
Non abbiamo potuto esimerci dal soffermarci sulla russa BeefCoin, ICO che promette il pre-sale dal 1 Gennaio 2018, basata su produzione integrata di bovini biologici, dalla campagna fino alla tavola.
Il produttore agricolo Melbard LCC con la sua produzione di bovini e la catena Meat Desire di Mosca lanciano una ICO che permetterà alla catena di aprire sei nuovi ristoranti a Mosca e di espandere la produzione di bovini biologici nella regione Russa di Penza.
Nello sviluppo del business sono compresi una birreria, una fabbrica di formaggi ed un negozio di delicatessen a base di prodotti biologici a marchio “Meat Desire”.
L’obbiettivo, dunque, è quello di espandersi per un business già esistente e che mira alla ICO come fonte di finanziamento per i propri investimenti.
Le attuali 500 bestie ed i 1000 ettari di terreno dovranno infatti espandersi per reggere la penetrazione sul mercato russo del prodotto biologico.
Il sito, www.beefcoin.org, dettaglia con precisione i basilari della ICO ed i dati finanziari dell’azienda sottostante.
Un caso di produzione locale medio-piccola che utilizza le ICO per scavalcare burocrazie bancarie e macchinosità dei finanziamenti che ci ha sorpresi. Chissà, infatti, se nei prossimi Natali grazie a questa ICO i Russi saranno in grado di mangiare più bovino biologico. Un caso scuola di utilizzo delle Criptovalute per crowdfunding finanziario delle aziende che potrebbe fare scuola per tanti piccoli produttori.

Rispondi