Analisi di Dogecoin: madre delle valute idiote

Tra le valute dai nomi originali e dai contenuti assolutamente evanescenti, potremmo dire futili, ve ne è una ancora oggi attiva sul mercato che è stata la capostipite di tutte: DOGECOIN.

In foto il cane del celebre meme Doge

Dogecoin nasce nel 2013 da un’idea di Jackson Palmer, dipendente della Adobe. Per scherzo creò questa Criptovaluta che aveva come meme Doge, il cane di razza Shiba Inu che ai tempi spopolava come meme sui social.

La Criptovaluta fu lanciata sull’onda della viralità della foto del cane per aiutare cause benefiche. Una fu lo sviluppo di una rete idrica in Kenya, un’altra da ricordare servì a finanziare il ritorno della squadra di bob Jamaicana alle Olimpiadi. In entrambe le campagne l’obbiettivo fu raggiunto.

Il progetto, al suo avvio, era prezzato in millesimi di dollaro con una grandissima quantità di token disponibili proprio per diventare popolare ed essere accessibile a tutti nel suo fine benefico.

Tuttavia, dopo le prime campagne benefiche alcuni speculatori finanziari presero di mira il progetto e ne fecero un uso truffaldino, sponsorizzandolo talmente tanto da accrescerne enormemente il valore nel 2015. In polemica con questa gestione, il suo fondatore abbandonò il progetto. 

Dopo la speculazione, il valore crollò e per diversi anni è rimasto infinitesimale. Ad oggi sono disponibili oltre 113 Miliardi di token, ma nel Gennaio 2018, all’inizio della grande correzione di mercato che è in corso, un nuovo movimento iperspeculativo è tornato a farsi sentire. 

Senza alcune base su cui fondarsi, il valore di DogeCoin in pochi giorni da millesimi di dollaro è arrivato a valere 13 centesimi il 18 Gennaio 2018. In maniera repentina, veloce, e del tutto inconsistente in base al progetto. Anche sul sito della AltCoin, infatti, non è specificato in alcun modo il motivo della sua esistenza o  cosa c’è dietro al suo progetto.

Semplicemente, perché non vi è nulla. 

DogeCoin ha dato il La a centinaia di altre Criptovalute basate sul nulla, senza alcun reale valore ma oggetto di pura speculazione che negli anni sono nate.

 

Parafrasando un vecchio proverbio, andando con l’idiota si finisce scottati. Fate attenzione quando investite!

Rispondi